Il sito di Grazia Napoli
Home
Biografia
Articoli
Donne e non solo
Il mio libro
Il mio blog
Le mie foto
I miei video
Contatti
Email Facebook Twitter
Notizie
vedi tutte >>


Dialogo aperto
Grazia Napoli    Al centro.

E' il nuovo spettacolo di Claudio Baglioni. Già traemesso con grande successo di ascolti su Rai 1 dall'arena di Verona. Ora in tour. In questi giorni a Firenze. Poi a Roma, al Palalottomatica,regno del cantautore romano che - come dic...
leggi blog >>
Un legame inspiegabile
di Grazia Napoli




Figura 1- Piazza Mario Pagano (Potenza)


        Un colonnello dei Carabinieri, vissuto a Potenza solo qualche anno, per lavoro, trasferito, poi, ad altri incarichi nella capitale, nell’incontro di arrivederci ai giornalisti potentini, affermò che non avrebbe mai pensato di dover rimpiangere questa città. Ci era arrivato con il magone di dover vivere in provincia, partiva con lo stesso magone di doversene andare. Un episodio che la dice lunga, su una città, che si ama o si odia. Da cui, ogni giorno, si pensa di fuggire, senza farlo mai veramente. E’ un fascino sottile quello che l’attraversa. Un fascino che emana dai suoi antichi palazzi; da un teatro piccolo piccolo, come una bomboniera; da una strada, che sta lì, sempre uguale, da secoli; da palazzi della burocrazia, che sembrano piccoli ministeri; da imponenti costruzioni di vetro per piccole banche; da un ponte avveniristico, che accoglie i viaggiatori; da un fiume, giù a valle, che sembra raccontare, con il suo mormorio, un’antica vicenda. E’ il fascino della provincia, dove il controllo sociale è, a volte, eccessivo, ma dove rimane il rapporto umano, la sensazione di sentirsi, in ogni momento, a casa.
        Solo trent’anni fa, Potenza cominciava appena ad uscire dall’isolamento della sua montagna e si avviava ad un relativo benessere, allo sviluppo, ad una crescita continua verso la periferia. Conservando, però, sempre le proprie radici. Potenza, infatti, è terra di tradizioni, ma vissute “timidamente”, poco sbandierate. E’ terra di gente arrivata qui da tutti i paesi della regione o anche da fuori regione, per lavoro, per studio, per scelta. Neanche nei vicoli del centro storico si trovano più i potentini veri. Eppure questo crogiolo di usanze, di tradizioni, di dialetti si è innestato e assimilato al tessuto culturale di questa città e tutti i potentini di oggi, anche quelli che non conoscevano San Gerardo, non mancano (sarebbe assurdo!) al passaggio dei Turchi, ogni 29 maggio.


Figura 2 - Ponte Musumeci (Potenza)


        Città ferita da ripetute calamità, in una zona ad alto rischio sismico, Potenza trova nell’ultimo terremoto uno spartiacque con il passato. E’ riuscita a crescere, dopo il 1980, a svilupparsi, a rinascere, guardando sempre avanti, al futuro, al progresso, all’innovazione, senza mai dimenticare il passato. Lo ha fatto e lo fa faticosamente, da una posizione geografica difficile, in un’economia non sempre florida, in una situazione occupazionale preoccupante. Eppure lo fa. Chi abita o arriva qui, cerca sempre di guardare oltre l’orizzonte delle sue montagne, ma per poco, perché resta o ritorna o comunque, vi rimane, inspiegabilmente e quasi visceralmente, legato. Come il Colonnello dei Carabinieri. Ha ancora una casa in Basilicata. Vi torna, in borghese, come un qualsiasi cittadino. Come uno di noi.


  
  
  

 
© 2010 All rights reserved - Web Master