Il sito di Grazia Napoli
Home
Biografia
Articoli
Donne e non solo
Il mio libro
Il mio blog
Le mie foto
I miei video
Contatti
Email Facebook Twitter
Notizie
vedi tutte >>


Dialogo aperto
Grazia Napoli    Al centro.

E' il nuovo spettacolo di Claudio Baglioni. Già traemesso con grande successo di ascolti su Rai 1 dall'arena di Verona. Ora in tour. In questi giorni a Firenze. Poi a Roma, al Palalottomatica,regno del cantautore romano che - come dic...
leggi blog >>
La Ricerca della forma. Il genio di Sergio Musmeci" - Un documentario per capire
di Grazia Napoli




Potenza - 6 febbraio 2016 - La ricerca della forma. Il genio di Sergio Musmeci".

Dopo l' anteprima al Maxxi di Roma, il documentario sul ponte - monumento di potenza è stato proiettato al Teatro “Stabile”.
Palchi e platea gremiti per una serata di grandi emozioni, con in prima fila il figlio e il fratello dell'ingegnere romano, che - negli anni '70 - progettò' l'opera architettonica

Il documentario parte da un documento con la voce di Sergio Musmeci che, in un'intervista del 1978 rilasciata al professore statunitense Charles Khan parla di una sua prima progettazione di un pont, egli ann ’50, appena laureato. Un ponte, che ha in nuce l’idea che sarà sviluppata a Potenza negli anni ‘70.
E’ solo uno dei preziosi documenti prezioso, portati alla luce dall'approfondita ricerca di tre giovani talenti lucani: la giornalista Sara Lorusso, l'ingegnere Michele Scioscia, la regista Vania Cauzillo, che hanno deciso di unire forze e competenze di tre professionalità  diverse, per riprendere, raccontare e divulgare la storia del ponte, che dà accesso alla città. Parallelo a quello romano è una vera opera d' arte e d' ingegno ingegneristico, riconosciuta come tale nel 2003.




Il documentario di 30 minuti è stato realizzato nella start up Effenove, dal tasto del computer che si preme alla fine di una lunga elaborazione per editare l'immagine. Nata con l'avviso #bandoallacrisi della Lucana Film Commission finanziata dalla Regione Baslicata e realizzata in collaborazione con il Maxxi di Roma, l' Ordine degli Ingegneri e il Consorzio Asi di Potenza.
Un racconto affascinante - sottolineato dalle note composte dagli allievi del conservatorio di Matera - che è¨ riuscito a catalizzare l'attenzione dei potentini, che - nel ponte - ormai riconoscono una sorta di moderna loro identità .

Attraverso le testimonianze del fratello, del figlio, dei collaboratori e l' uso della computer grafica, per ricostruire le idee di un ingegnere che voleva fare l'astronomo, si snoda la storia di un ponte, in cui forma e sostanza, calcolo matematico ed estetica si sposano perfettamente in una membrana in cemento armato; quattro campate sottili che scavalcano il fiume, la ferrovia e le strade cittadine; ed in più, con un camminamento interno, scoperto ultimamente anche come set teatrali di compagnie sperimentali.




Il ponte è il simbolo di Potenza.
Dalla sfida di un cantiere degli anni '70, riparte la sfida delle giovani generazioni, che credono nella multidisciplinarietà  e nell' innovazione, facendo tesoro dell' insegnamento della storia recente





  
  
  

 
© 2010 All rights reserved - Web Master