Il sito di Grazia Napoli
Home
Biografia
Articoli
Donne e non solo
Il mio libro
Il mio blog
Le mie foto
I miei video
Contatti
Email Facebook Twitter
Notizie
vedi tutte >>


Dialogo aperto
Grazia Napoli    Al centro.

E' il nuovo spettacolo di Claudio Baglioni. Già traemesso con grande successo di ascolti su Rai 1 dall'arena di Verona. Ora in tour. In questi giorni a Firenze. Poi a Roma, al Palalottomatica,regno del cantautore romano che - come dic...
leggi blog >>
Le Strategie Fatali
di Grazia Napoli


Promette bene e ha già avuto due repliche qui in Basilicata, allo "Stabile" di Potenza e al Duni di Matera. Due ore e mezza di buon teatro




E' "Strategie Fatali" un lavoro di Paolo Mazzarelli e Lino Musella, autori interpreti e registi, con altri 5 bravissimi attori di una messa in scena complessa, che parla di vita, di teatro, di classicità e contemporaneità.

E' il teatro, la sua essenza, la sua natura illusoria e veritiera al tempo stesso il vero protagonista di questo lavoro che, nel titolo, prende spunto da Baudrillard, nella sostanza si ispira agli insegnamenti di Shakeaspeare. Il bianco e il nero, il bene e il male, l' incontro scontro tra le diversità, ma, soprattutto, l' importanza della parola: quella che descrive, che inganna, che ingenera il sospetto e indirizza la verità. anche quando è falsa.

Uno spettacolo ben costruito in cui - come in Shakespeare - ci sono livelli paralleli di narrazione. storie nelle storie.





Quella della compagnia teatrale che prepara una messa in scena di Othello in un teatro di periferia, dove un artista puro, Federico Valente, chiuso in se stesso e al mondo - un bravissimo Marco Foschi - recita ormai poco, perché alla ricerca la vera essenza dell' arte. Qui irrompe il suo vecchio amico di Accademia Alberto Magno, star televisiva, famoso e meno bravo. E' il contrasto tutto moderno tra Tv e Teatro, tra apparenza e sostanza, tra immagine e parola. La prima sovrasta la seconda, mercifica la donna, distrugge la verità.

La vicenda si intreccia alla resistenza strenua di un tecnico teatrale gay rimasto a vivere in un teatro chiuso, accanto a una moschea, che le ruspe del consumismo vorrebbero abbattere, per costruire un grande ospedale. Ma che rimane baluardo di difesa della diversità, culturale e sessuale e alla ricerca di un quindicenne, che si nasconde al mondo nei meandri del teatro e dell'arte. una ricerca su cui la razionalità investigativa fallisce.

Uno spettacolo che ognuno puo' leggere e interpretare alla luce delle contraddizioni della vita contemporanea. uno spettacolo da vedere

  
  
  

 
© 2010 All rights reserved - Web Master