Il sito di Grazia Napoli
Home
Biografia
Articoli
Donne e non solo
Il mio libro
Il mio blog
Le mie foto
I miei video
Contatti
Email Facebook Twitter
Notizie
vedi tutte >>


Dialogo aperto
Grazia Napoli    Al centro.

E' il nuovo spettacolo di Claudio Baglioni. Già traemesso con grande successo di ascolti su Rai 1 dall'arena di Verona. Ora in tour. In questi giorni a Firenze. Poi a Roma, al Palalottomatica,regno del cantautore romano che - come dic...
leggi blog >>
Uno Nessuno Centomila, prima versione teatrale
di Grazia Napoli


Un'originale messa in scena di "Uno Nessuno e centomila" di Luigi Pirandello, che ci è piaciuta molto.

Protagonista un giovane attore potentino, Camillo Ciorciaro, artista dalla grande espressività e forza recitativa, che ha realizzato questo progetto teatrale con la sua compagnia romana Officina off, in un primo momento per le scuole, con l’intento di far conoscere ai ragazzi testi di qualità, quindi i classici.
Ma poi è diventato un vero e proprio spettacolo in giro per l’Italia e Camillo Ciorciaro ha voluto portarlo anche qui a Potenza, nella sua città, al Teatro Due Torri.




È la messa in scena teatrale di un testo che Pirandello non ha scritto per il palcoscenico. È un romanzo i cui passi salienti e le parole più significative vengono recitate e anche lette. In scena, infatti, dietro un sipario-velo due attori leggono passi salienti del romanzo in risposta alla drammatizzazione del primo attore.
Una soluzione registica di impatto, che rende questo spettacolo godibile, ma anche importante, profondo, originale.

Vitangelo Moscarda, in questo caso non vive in prima persona la sua fuga alla ricerca di identità e vita piena, ma guarda a quello che gli è successo, ricorda, racconta, dialoga con gli altri personaggi e con se stesso illudendosi che le cose possano cambiare per giungere alla conclusione consapevole – la stessa del romanzo naturalmente – che nulla può’ cambiare. La messa in scena è a tratti onirica, a tratti molto realista, ma anche intima, in cui il monologo diventa flusso di coscienza. Molto  ben interpretato.

C’è tutta la filosofia di Pirandello sull’ essere e l’apparire. Sul diventare uno nessuno e centomila, secondo gli occhi di chi ci guarda. L’adattamento scenico è di Giuseppe Manfridi, autore romano molto conosciuto, la regia di Federico Vigorito.
Con Camillo Ciorciaro recitano Roberta Azzarone, Valerio Camelin, Rita Costantini.



  
  
  

 
© 2010 All rights reserved - Web Master